erdos

Avevo spesso senito parlare di Paul Erdős, matematico tra i più prolifici ed eccentrici della storia, ha lavorato e risolto problemi legati alla teoria dei grafi, combinatoria, teoria dei numeri, ecc… La prima volta grazie al Numero di Erdős, una misura di distanza tra egli ed ogni matematico andando di collaborazione in collaborazione.

Sono due le cose che ti vengono in mente quando ne senti parlare: Continue reading

12513978_10207152417641561_1422014094691184108_o

Serata al LUG di Vicenza su come utilizzare un’economica interfaccia WiFi per Arduino (modulo ESP8266) da smartphone Android.

Molto interessanti le potenzialità del modulo, dal costo di pochi dollari, che è stato utilizzato in maniera autonoma(senza la scheda Arduino) programmandolo con l’IDE Arduino opportunamente predisposto.
Maggiori info sul sito della community degli utilizzatori dell’ESP8266 


Sorgenti Arduino/ESP8266 e apk app Android
Sorgenti app Android

 

Video della serata Continue reading

Dopo il mio talk di due anni fa a Bari (Open Hardware: il futuro di Arduino + Arduino incontra Android), quest’anno a Vicenza per una introduzione allo sviluppo di app Android.

In attesa del video del mio talk al Linux Day organizzato dal LUG Vicenza, ecco qui la presentazione: Continue reading

il-gene-egoista_fronte

Oramai sono passati anni dalla lettura di GEB che identifico come il punto di inizio del mio interesse per l’AI.
Le letture di Hofstader e non per cercare di capire cos’è l’intelligenza umana e per provare a definire se possibile “artificializzarla”, mi hanno sinora appassionato/angosciato/incuriosito ma di certo non soddisfatto! 😛

Per questo riflettevo che, in fondo, era anche giusto chiedersi perché l’uomo esiste ed é cosi com’è, prima ancora del perché e come pensa…
Questa premessa si é scontrata con la decisione di fare una tesi di laurea in bioinformatica (ancora da definire nel dettaglio).

Incrociando il “meglio cercare qualcosa che mi spieghi semplicemente il ruolo del DNA negli esseri viventi” e “non mi va di leggere wikipedia o qualcosa di troppo statico seppur esplicativo” ne é emerso un nome noto nel la panorama della divulgazione scientifica: Richard Dawkins e il suo the selfish gene! Continue reading

IMG_20150521_181750

Questo progetto é nato da un incontro che posso definire “fatidico”. Ho conosciuto Massimo Michetti, in veste di coach, a Startup Weekend Lecce. Quella che era stata una piacevole chiacchierata su IoT, pervasività della tecnologia e ovviamente raccomandazione musicale(cfr. alla loro startup Smarfle), non sapevamo si sarebbe trasformata in una collaborazione professionale.

Mesi dopo ci ritroviamo a partecipare al programma della Regione Puglia “Giovani Innovatori”, che si prefiggeva l’obiettivo di far incontrare i bisogni di imprese pugliesi con competenze di giovani esperti.

Il progetto, accolto dall’ente promotore, incrociava la necessità di Smarfle srls di portare nel “mondo del concreto” la loro webapp MusicSpot e le mie competenze circa la prototipazzione rapida di sistemi embedded-webbased-ecc… (Maggiori dettagli QUI)

In pratica, MusicSpot é una piattaforma web per la creazione di playlist dall’analisi delle preferenze musicali di più utenti, estendendo il concetto della raccomandazione dal singolo profilo utente all’intersezione di profili differenti.
L’idea era dunque quella di trasporre questo sistema su di un oggetto fisico: uno smartspeaker! Continue reading

dal-big-bang-ai-buchi-neri-libro-89730

Devo ammettere che ero scettico sulla lettura di questo libro. Aver visto il film la teoria del tutto ha sicuramente rafforzato la mia convinzione di quanto sia davvero ammirevole e straordinaria la figura di Stephen Hawking, ma credevo che il libro “dal big bang ai buchi neri” sarebbe stato non facilmente comprensibile essendo incentrato sul lavoro di Hawking più che sulla sua biografia.

Effettivamente il contenuto é scritto con l’evidente intenzione di estendere la diffusione di certi concetti reclusi ai soli addetti ai lavori. Come temevo però, molti concetti non mi sono stati del tutto chiari e sicuramente li approfondirò.
Mi ha comunque piacevolmente sorpreso come, pur non entrando in aspetti tecnici, si abbia l’impressione di cogliere il SENSO dei concetti esposti e, soprattutto, delle implicazioni che comportano sulla comprensione seppur approssimativa di ciò che potrebbe essere il posto in cui viviamo: l’universo! Continue reading